Valutazione Microclima

/Valutazione Microclima
Valutazione Microclima 2018-04-17T10:03:47+00:00

Rilievi Strumentali e Valutazione completa del Rischio Microclimatico, nelle diverse situazioni lavorative

Con “microclima” si intende il complesso dei parametri fisici che caratterizzano un ambiente di lavoro e che, assieme a parametri individuali quali l’attività fisica e l’abbigliamento, condizionano gli scambi termici tra l’ambiente stesso e i lavoratori.

valutazione microclima

L’organismo umano infatti può essere visto come un sistema in continua interazione con l’ambiente che lo circonda, in grado di assorbire o rilasciare calore in maniera da mantenere costante la sua temperatura interna (circa 37°C). Per il mantenimento di tale condizione, detta omeotermia, il sistema di termoregolazione corporeo si serve di opportuni meccanismi, quali conduzione, convezione, irraggiamento ed evaporazione. Negli ambienti moderati o freddi l’energia termica viene ceduta principalmente mediante irraggiamento, convezione ed evaporazione. Negli ambienti caldi, al contrario, il corpo assorbe calore, disperdendo energia mediante l’evaporazione del sudore. In presenza di un’umidità relativa elevata si ha una minore evaporazione, mentre in presenza di velocità dell’aria l’evaporazione aumenta.

Se l’equilibrio termico viene mantenuto con un minimo sforzo da parte del sistema di termoregolazione siamo di fronte a condizioni microclimatiche di “benessere” o “confort”, mentre se viene mantenuto con sforzo si parla di equilibrio, ma non di benessere. Se invece tale equilibrio non viene mantenuto, a causa di condizioni estreme, si parla di disequilibrio.

Il D.lgs. 81/08 (artt. 180-181) introduce il rischio microclimatico come facente parte degli agenti fisici, specificando per il Datore di Lavoro l’obbligo di “valutare tutti i rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici in modo da identificare e adottare le opportune misure di prevenzione e protezione con particolare riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi”.

La norma tecnica UNI EN ISO 7730 presenta una procedura riconosciuta per la valutazione del rischio microclimatico, citata anche dalle Linee guida “Microclima, aerazione e illuminazione nei luoghi di lavoro” del Coordinamento Tecnico per la Sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle Provincie autonome.

La norma tecnica illustra procedure di valutazione distinte a seconda che le condizioni di lavoro siano in ambienti “moderati” o “severi”, ma sostanzialmente basate sulla relazione tra bilancio energetico del corpo umano e sensazione termica dell’individuo, in cui intervengono le principali grandezze fisiche ambientali (temperatura, umidità e velocità dell’aria) e alcune caratteristiche riconducibili ai singoli individui (attività metabolica e isolamento termico del vestiario).

Mediante misurazioni strumentali dei diversi parametri ambientali, con l’uso di una stazione microclimatica, e la definizione delle caratteristiche dei soggetti in base alla tipologia di vestiario e di attività effettuata, la metodologia di valutazione consente di ottenere degli “indici di confort” o “indici di stress termico”, che possono poi dare origine ad eventuali misure compensative o migliorative da attuare per ridurre i fattori di rischio.

INNOVA, con l’utilizzo della stazione microclimatica Delta OHM HD32.1, è in grado di effettuare i rilievi strumentali e una valutazione completa del rischio microclimatico, nelle diverse situazioni lavorative:

  • AMBIENTI DI LAVORO MODERATI:
    • Determinazione dell’indice di disconfort locale PMV (voto medio previsto) e della percentuale di insoddisfatti
    • Determinazione dell’indica di disconfort locale dato da differenza dei parametri ambientali localizzate in particolari punti della superficie del corpo (insoddisfatti dalla temperatura del pavimento, da elevato gradiente termico testa/busto, da parete calda/fredda)
  • AMBIENTI DI LAVORO SEVERI CALDI:
    • Determinazione dell’indice di stress termico WBGT con conseguente determinazione delle pause compensative necessarie per Ridurre il rischio
  • AMBIENTI DI LAVORO SEVERI FREDDI:
    • Determinazione dell’indice di stress termico WCI con conseguente determinazione del vestiario minimo necessario per rendere il rischio accettabile.

Valutazioni Microclima

Informati Ora
Informati Ora