Il modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2021, approvato con Dpcm 23 dicembre 2020, dovrà essere presentato da produttori e gestori di rifiuti entro il 16 giugno 2021.

Il Dpcm 23 dicembre 2020 (“Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2021”) conferma la struttura del modello articolato in 6 comunicazioni (rifiuti, veicoli fuori uso, imballaggi, Raee, urbani e Aee) già prevista dal previgente Dpcm 24 dicembre 2018, recante il modello che è stato utilizzato per le dichiarazioni 2019 e 2020.

L’adozione di un nuovo modello per l’anno 2021, si legge nel preambolo del provvedimento, è stata richiesta dal Ministero dello Sviluppo economico e dal Ministero dell’ambiente al fine di “poter acquisire i dati relativi ai rifiuti da tutte le categorie di operatori, in attuazione della più recente normativa europea”.

Considerato che il Dpcm 23 dicembre 2020 è stato pubblicato sulla Gu del 16 febbraio 2021, il termine per la presentazione della dichiarazione, ai sensi di quanto stabilito dalla legge 70/1994 istitutiva del Mud, slitta dal 30 aprile 2021 al 16 giugno 2021 (120 giorni a decorrere dalla data di pubblicazione in Gu del decreto).