Questo sito utilizza cookie per funzioni proprie o di terze parti.

Se continui nella navigazione o clicchi su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
Contatto Veloce
I campi contrassegnati con * sono obbligatori

 

 

Rilevamento termografico

La termografia all'infrarosso è considerata uno degli strumenti più efficaci ed efficienti, attualmente sul mercato, per individuare problemi di natura elettrica e contribuire a risolverli.

Con delle analisi rapide, semplici e non invasive si riescono a localizzare delle anomalie che sarebbero invisibili ad occhio nudo.

Un indicatore primario di tali anomalie è un riscaldamento eccezionale, facilmente riscontrabile tramite un'immagine termica. Si intuisce dunque come una diagnosi termografica sia uno strumento indispensabile per pianificare azioni correttive e preventive, abbattendo i costi relativi al fermo impianto ed individuando i punti deboli del sistema. Scoprire e riparare un collegamento elettrico carente, prima che il dispositivo si danneggi, significa evitare i costi che si sarebbero dovuti sostenere per la sostituzione dello stesso, ovvero il ripristino delle condizioni di esercizio dell'impianto e le perdite causate dalla sua fermata. 

A prova dell'efficacia della termografia, alcune compagnie assicurative offrono premi vantaggiosi alle aziende che dimostrano di utilizzarla come tecnica di prevenzione ai guasti.

 

Termografia negli impianti elettrici

La presenza di un punto caldo all'interno di un circuito è generalmente dovuta ad un collegamento corroso, allentato oppure ossidato, o ancora, al malfunzionamento del componente in questione. Far transitare correnti troppo elevate significa surriscaldare il filo. Si tenga presente che il materiale isolante (gomma, biplasto, ecc.) resiste fino ad una temperatura di 60 - 70 °C. A temperature superiori il materiale perde il suo isolamento, provoca corto circuiti e brucia andando a rovinare anche altre parti del circuito.

Anche negli avvolgimenti dei motori un riscaldamento superiore ai 70 °C porta alla bruciatura dello smalto isolante con conseguente corto circuito ed effetti dannosi.
È opportuno quindi eseguire impianti con conduttori ben dimensionati ed eseguiti a regola d'arte. Le protezioni ben tarate, intervenendo subito, evitano il surriscaldamento e quindi il principio d'incendio.

 

ESEMPIO APPLICATIVO (anomalie sui fusibili)

anomalia fusibili

Nel caso riportato in figura è evidente la presenza di un eccessivo riscaldamento del fusibile centrale.

 

INNOVA CONSULENZE è in grado di offrire questo servizio, eseguendo rilevamenti mirati con l'uso di termocamera FLIR i60.